Chirurgia dermatologica e medicina estetica


Chirurgia dermatologica

Lo Studio dentistico Dr. Veronese di Lecco è attrezzato per effettuare interventi di chirurgia dermatologica ricostruttiva per il trattamento di tutte le malattie cutanee del distretto cervico-facciale: piccole lesioni cutanee benigne (il cui trattamento con il SSN non è possibile in quanto non è previsto dai LEA, i livelli essenziali di assistenza) e neoplasie cutanee maligne complesse, che richiedono competenze oncologiche e l'impiego di tecniche di chirurgia plastica per garantire risultati radicali e rispetto delle unità estetiche del volto.

Ecco i principali tumori cutanei che necessitano di chirurgia:

  • Basalioma;
  • Carcinoma spinocellulare;

Basalioma

Il basalioma, o carcinoma basocellulare, è il più frequente tumore maligno della pelle.
Può presentarsi sotto vari aspetti: piano, nodulare, ulcerato (ulcus rodens), a placca (sclerodermiforme) e a volte persino pigmentato.
Nonostante sia classificato come tumore maligno, il basalioma presenta in realtà una aggressività solo locale, non avendo la tendenza a diffondersi a distanza attraverso metastasi.
Se non trattato, può però infiltrare le strutture sottostanti per contiguità e aumentare notevolmente di dimensioni, richiedendo poi, per essere curato, un intervento di chirurgia più invasivo.

Carcinoma spinocellulare

Il carcinoma spinocellulare, o squamocellulare, è un tumore maligno della pelle, secondo per incidenza al basalioma.
Può insorgere come lesioni piane crostose o verrucose, per poi assumere con il passare del tempo un aspetto più infiammatorio, indurirsi ed ulcerarsi.
A differenza del carcinoma basocellulare, il carcinoma spinocellulare può dare, seppur meno frequentemente rispetto al carcinoma spinocellulare del cavo orale, metastasi a distanza per via linfonodale.
Questo va tenuto attentamente in considerazione quando si studiano i tumori cutanei soprattutto dell’orecchio e del labbro inferiore, tipica sede di insorgenza di questo tumore.

Il carcinoma spinocellulare presenta spiccata aggressività locale. Consigliamo di procedere con l'intervento di chirurgia perchè se non trattato, il carcinoma, come il basalioma, tende ad infiltrare rapidamente i tessuti circostanti. 

Medicina estetica

Si elencano i principali interventi che riguardano la medicina estetica:

  • Utilizzo della tossina botulinica per attenuare le rughe frontali e le cosiddette “zampe di gallina”, le fastidiose rughe ai lati degli occhi, dovute ad una ipercontrazione del muscolo orbicolare.
    L’uso della tossina in medicina estetica è autorizzato sia dalla FDA americana che dalle autorità sanitarie competenti in Europa ed in Italia.
    Il farmaco, iniettato vicino ai muscoli mimici del volto, ne attenua la capacità di contrazione, riducendo quindi le rughe superficiali legate alla iperfunzione muscolare. L’effetto non è quello di un volto paralizzato, ma è quello di donare un aspetto riposato e sereno al volto;
  • Biorivitalizzazione del viso e del collo, mediante l’impiego di complessi polivitaminici, sali minerali ed acido ialuronico.
    Tale biostimolazione consiste nella somministrazione per via iniettiva intradermica-sottocutanea di tali sostanze dotate di attività stimolante la rigenerazione della pelle: il contenuto di acqua aumenta e viene stimolata la produzione di collagene ed elastina;
  • Filler a base di acido jaluronico per la correzione dei volumi del volto e attenuazione delle rughe superficiali e profonde.
    Si tratta di una sostanza di sintesi batterica, quindi con minima possibilità di reazione allergica e dotata di ottima biocompatibilità.
    E’ un gel che, iniettato a livello del derma o in sedi profonde, consente il riempimento di solchi e depressioni (solchi nasogenieni, solchi labio-mentonieri, solchi naso-giugali) e delle labbra che necessitino di un aumento volumetrico o di una lieve modifica nel disegno.
    L’impiego in sedi più profonde consente di realizzare l’effetto lifting, ovvero una distensione dei tessuti senza chirurgia, e un ripristino dei volumi tipico della giovane età.
    La durata dell'effetto del prodotto varia a seconda della densità e della struttura del prodotto da un minimo di 4-6 mesi per prodotti fluidi e correzioni superficiali a un massimo di 12 mesi per prodotti più consistenti usati per il ripristino dei volumi.

Presso il nostro studio stomatologico Veronese di Lecco vengono impiegati solo i migliori materiali disponibili sul mercato, che garantiscono sicurezza per la salute dei pazienti e maggior durata del risultato ottenuto.

Chirurgia Estetica del volto

Presso il nostro Studio dentistico a Lecco, è possibile eseguire consulenze di medicina e chirurgia estetica del volto.
Approfondiamo alcuni degli interventi eseguiti presso la nostra struttura, ricordando che è possibile eseguire anche interventi di chirurgia più impegnativi in anestesia generale in strutture convenzionate esterne al Centro.

I principali interventi di chirurgia estetica del volto:

  • blefaroplastica;
  • otoplastica;
  • liposuzione e lipofilling.

 

La blefaroplastica

L’intervento chirurgico di blefaroplastica serve ad eliminare i segni dell’invecchiamento delle palpebre. La cute in eccesso a livello palpebrale e le borse sono responsabili dell’aspetto “stanco” dello sguardo.

E’ possibile eliminare tale cute in eccesso, presente a livello palpebrale, e asportare le borse palpebrali, che altro non sono che l’erniazione di tessuto adiposo, attraverso il setto orbitario. Per questo tipo di ingresso chirurgico le cicatrici lasciate dall’intervento di blefaroplastica sono pressoché invisibili. A livello della palpebra superiore sono nascoste nel solco che naturalmente si forma all’apertura degli occhi, mentre a livello della palpebra inferiore sono posizionate in zona subciliare.

Il risultato è quello di avere un volto dall’aspetto più riposato, ringiovanito.

Non è invece possibile, eliminare completamente le rughe laterali, sull’esterno dell’occhio, le cosiddette “zampe di gallina”.

L’intervento di blefaroplastica può attenuare tali rughe; è inoltre possibile intervenire su tale inestetismo legato all’invecchiamento facciale con altre procedure sia chirurgiche sia mediche non invasive.

In casi selezionati è possibile intervenire a livello delle palpebre inferiori per via endocongiuntivale dall’interno, non lasciando quindi cicatrici cutanee visibili.

Questo intervento di chirurgia viene generalmente praticato dopo i 40 anni, e sempre più spesso viene richiesto anche da persone molto anziane. Infatti l’eccesso cutaneo a volte può addirittura andare a creare un impedimento meccanico alla vista, soprattutto nei quadranti supero-esterni, rendendosi responsabile di una limitazione del campo visivo.

Con la blefaroplastica è possibile anche modificare il “taglio” e l’orientamento dell’angolo degli occhi. Viene sempre più richiesta la cosiddetta occidentalizzazione dei tratti somatici, anche dai pazienti più giovani. La blefaroplastica può quindi, in casi selezionati, consentire di modificare alcune caratteristiche somatiche legate a una particolare etnia.

Otoplastica

L’intervento chirurgico di otoplastica consente di modificare la forma delle orecchie, in particolar modo è indicata per ridurre la proiezione di orecchie particolarmente prominenti, le cosiddette “orecchie a sventola o orecchie a ventola”.

L’intervento di chirurgia non va in nessun modo ad intervenire sull’udito, ma riguarda solo la porzione esterna dell’orecchio, il padiglione auricolare.

Le cicatrici derivanti da questo trattamento non sono visibili, in quanto generalmente vengono praticate a livello della superficie posteriore del padiglione auricolare.

È possibile intervenire sul Paziente a partire dai 5-6 anni di età.
Dopo tale periodo infatti la forma e la cartilagine dell’orecchio è matura e al contempo numerosi studi eseguiti hanno dimostrato che l’impatto sulla psiche dei bambini che presentano tale deformità e che ne sono consapevoli o che vengono derisi dai coetanei rende indicato l’intervento anche in età relativamente precoce.

L’intervento può tranquillamente essere eseguito in anestesia locale o con leggera sedazione farmacologica e dura poco più di un’ora.

Liposuzione e lipofilling

La liposuzione è un intervento chirurgico mini-invasivo indicato per rimuovere il pannicolo adiposo a livello cervicale, quando questo si rende responsabile di una alterazione dell’armonia della regione cervico-facciale, creando degli inestetismi localizzati che difficilmente possono essere corretti con diete o esercizi fisici mirati.

Una mini-liposuzione cervicale può ridurre oppure eliminare il cosiddetto “doppio mento”, contribuendo a donare maggiore leggerezza e dinamismo ai tratti del volto e a ridefinire le proporzioni e il contorno del III inferiore del volto.

Viene praticata un’incisione millimetrica nascosta, che permette il passaggio di una cannula aspirante.

Altre volte invece è indicato creare un aumento volumetrico stabile a livello di determinate regioni del volto (zigomi, labbra superiori, solchi nasogenieni) utilizzando il proprio tessuto adiposo prelevato con micro cannule da regioni dove questo è presente in eccesso (addome, fianchi, interno cosce, glutei).

Solo parte del tessuto adiposo opportunamente trattato viene reimpiantato contestualmente e utilizzato per rimodellare determinate regioni del volto, dando risultati stabili nel tempo.
Tale prodotto iniettato non si comporta solo come un materiale riempitivo, ma, poiché ricco di cellule staminali, migliora anche la qualità della pelle, ridonandole tono ed elasticità.

Altra differenza fondamentale con altri materiali riempitivi di sintesi (fillers) è la stabilità del risultato.

E’ possibile un grado variabile di riassorbimento a seconda delle sedi trattate, per cui possono rendersi necessarie alcune sedute, ma non si viene mai a creare la classica “dipendenza dal centro estetico” che ogni paziente che utilizza regolarmente dei filler riassorbibili (es. a base di acido ialuronico) ha sperimentato.

Per saperne di più sulla medicina estetica e sulla chirurgia estetica dermatologica del volto trattata nel nostro Studio Dentistico di Lecco, contatta il dr. Veronese.

Studio Stomatologico Dott. Veronese

Lo studio dentistico del Dott. Giovanni Veronese si trova a Lecco, in posizione centralissima, in via Amendola 6, situato all’ultimo piano (con ascensore) di un moderno palazzo con ampie vetrate che forniscono una impareggiabile vista sulla città.

La struttura presenta 4 sale operative moderne dotate delle più recenti apparecchiature disponibili, oltre ad un centro di sterilizzazione, una sala dedicata alla Diagnostica odontoiatrica digitale ed un laboratorio tecnico.

Contatti

Via Amendola, 6
23900 Lecco (LC)

Tel: (+39) 0341 289260
Fax: (+39) 0341 289260

email: amministrazione@stomatologicodottveronese.it

© 2018 Stomatologico Dott. Veronese - All Rights Reserved - P.I. 03563640139 | Privacy Policy Cookie Policy

Search